Home » Teoria musicale » Costruzione degli accordi
 

Amatrice-Accumoli

amatrice-accumoli 190x190

 

- Radio Onda Verde -

Ascolta Radio Onda Verde

 

Happy Rieti

happyrieti1

 

NPC RIETI

NPC Rieti

 

Contatore visite

.................................................
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi498
mod_vvisit_counterIeri524
mod_vvisit_counterSett. attuale498
mod_vvisit_counterSett. scorsa3356
mod_vvisit_counterMese attuale7759
mod_vvisit_counterMese scorso10144
mod_vvisit_counterTotali721188

We have: 61 guests online
IP: 54.221.76.68
18 Dic 2017
Costruzione degli accordi PDF Stampa E-mail

GLI ACCORDI

Un accordo è un insieme di due o più note suonate contemporaneamente.
Esistono nel jazz due mondi distinti: il modale ed il tonale;
un brano musicale si definisce modale quando è composto a partire da una scala, pertanto è la scala

( cioè una sequenza monofonica di note ) a costituirne la struttura, viceversa si definisce tonale un brano la cui struttura di base siano gli accordi: in pratica nel brano spesso coesistono più scale.
Per questa ragione, le forme di musica antica, le musiche folcloriche, il primo periodo del jazz, sono modali, nella stessa armonia il primo passo per la generazione degli accordi, è un' operazione modale.

Generazione degli accordi

Prendiamo in considerazione una scala di base, nel nostro caso la scala di C ( do maggiore ):
do re mi fa sol la si
se calcoliamo la distanza tra una nota e la successiva, otteniamo gli intervalli della scala di C, infatti se assumiamo che T = 1 tono e S = 1/2 tono avremo

T T S T T T S

rispettando questi intervalli, possiamo ricavare adesso ognuna delle 12 scale maggiori ( una per ogni tonalità );

ad esempio la scala di G ( sol maggiore )
sol (T) la (T) si (S) do (T) re (T) mi (T) fa# (S) sol

noterete che abbiamo nella scala una nota non naturale ( il fa# ) in questo caso diremo che in G abbiamo " in chiave " il fa#.

Occorre adesso spendere due parole sulle sigle internazionali degli accordi, ecco la tabella di conversione: scala di C a partire dal la -- alfabeto

LA -- A
SI -- B
DO -- C
RE -- D
MI -- E
FA -- F
SOL -- G

Nella scala di C ogni nota è individuata da un numero: il do è la prima, il re è la seconda, e così via, solo il si fà eccezione ed è definito come settima maggiore ( maj7 ).

do re mi fa sol la si

1 2 3 4 5 6 maj7

La prima dà il nome all' accordo, ne consegue che tutti gli accordi generati dalla scala di C si chiameranno C, per ottenere accordi con diverso nome, occorrerà adoperare la scala maggiore corrispondente.

La terza dà il modo ( dice, cioè, se l' accordo è maggiore o minore ) in pratica se la terza è maggiore ( mi ), l' accordo è maggiore, se invece è una terza minore( mib ) l' accordo è minore.
La quinta è una nota di associazione che completa l' accordo e non è indispensabile, pertanto, quando è necessario, può essere eliminata.

es: C ( do mi sol ) ( prima, terza, quinta ), Cm ( do mib sol )( prima, terza minore, quinta ). Aggiungendo altre note individuate dal loro valore numerico, si possono ottenere accordi complessi ( ricordiamo che una nona non è altro che una seconda dell' ottava successiva ).

es : C6 ( do mi sol la )
C9 ( do mi sol re )
C6/9 ( do mi sol la re )

Parliamo ora delle settime; abbiamo visto che la settima nota della scala maggiore è considerata una maj7, ad ogni modo, se noi diminuiamo il si di un semitono otteniamo una settima minore, questa settima minore và a coincidere con la 7;

semplificando: la settima nota della scala maggiore è detta settima maggiore, mentre per settima si intende la settima nota della scala diminuita di un semitono.

es : Cmaj7 ( do mi sol si )
C7 ( do mi sol sib )
C7/9 ( do mi sol sib re )
C6/9b ( do mi sol la reb )
C7/9b ( do mi sol sib reb )
Cm7 ( do mib sol si )

Cm7 ( do mib sol sib )
Cm7/9 ( do mib sol sib reb )

Quando un accordo è maggiore non vi è nessuna sigla che lo specifica, se trovate un + dopo la sigla dell' accordo, questo si riferisce alla quinta: C+ significa C5+ ( C5# ).

Quando alteriamo la quinta, bisogna omettere la quinta giusta es: C+ ( do mi sol# ).

Gli accordi di 11 e di 13b aggiungono una nota molto distante dal corpo dell' accordo, per cui sottintendono anche una 7 di passaggio, per la stessa ragione gli accordi di 13 sottintendono una 7 e una 9.

es : C11 ( do mi sol sib fa )
1 3 5 7 11
C13b ( do mi sib sol# )
1 3 7 13b
C13 ( do mi sol sib re la )
1 3 5 7 9 13

Gli accordi SUS4 (Sus= Suspended), avendo la quarta distante un semitono dalla terza, omettono la terza; questo è molto importante, perchè in questo modo, l'accordo diviene ambiguo ( di modo
indefinito ),l' uso di questi accordi è altrettanto particolare: vengono spesso adoperati negli stacchi ritmici,

es : C sus4 ( do fa sol )

Esistono anche i SUS2 che sostituiscono la terza con la seconda maggiore

es. C sus2 (do re sol)

Gli accordi diminuiti sono accordi minori, con la sesta maggiore (o settima diminuita)e la quinta bemolle

es : Co ( do mib la fa# ) oppure Cdim7


Gli accordi semidiminuiti sono accordi minori, con la Settima (minore) e la quinta bemolle,


es : Cm7(5b) ( do mib sib fa# ) si scrivono anche con C seguito da uno zero sbarrato.

esempi :

A7 ( la do# mi sol )
1 3 5 7

 Abm11 ( lab si mib solb reb )
1 3m 5 7 11

 F#13 ( fa# sib do# mi sol# mib)
1 3 5 7 9 13

Go ( sol sib reb mi )
1 3m 5b 6

--

fonte: http://www.momentimusicali.it/corsi/amosfree/costruireaccordi.htm

 
Copyright © 2017 maxgranato.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
- Sitemap -